AREE DI COMPETENZA

Le nostre Aree di Competenza

FARMACO ETICO

La parola farmaco deriva dal greco pharmakon, che vuol dire "rimedio, medicina", ma anche "veleno". Per quanto riguarda la dizione farmaco etico, l'aggettivo "etico" non ha propriamente il significato morale dell'etica filosofica, ma va inteso come un sinonimo di professionale, deontologico. In concreto, il farmaco etico è un medicinale che può essere dispensato dal Farmacista in farmacia solo in presenza di una ricetta medica. Oggi il mercato del farmaco è composto da farmaco etico classe A, C e dai farmaci di “libera vendita” OTC e SOP.
L’analisi del mercato totale farmaco da prescrizione in Italia (ospedaliero, farmacia e DPC) ha chiuso il 2018 in crescita, raggiungendo un fatturato totale di 21,8 miliardi di euro, +2,4% rispetto al 2017. La segmentazione del mercato complessivo a volumi (tutte le classi) registra così una incidenza del 52% dei farmaci brand a brevetto scaduto, il 22% ai farmaci coperti da brevetto e per il 26% agli equivalenti. Dai dati si evince che l’andamento del mercato a valori è quindi in aumento e ricco di opportunità, anche se si registra un rallentamento rispetto agli anni precedenti.

MEDICAL DEVICES

Attenzione al paziente ed innovazione in farmacia; le imprese del settore censite sono 4.368, la cui maggioranza sono di piccole dimensioni, e generano un mercato il cui valore complessivo della produzione è pari a 9,75 miliardi di Euro e che vale più di 3 miliardi di euro (valori sell out) costituito per lo più da prodotti parafarmaceutici.

INK PHARMA SERVIZI

NUTRACEUTICA

Dal neologismo coniato da Stephen de Felice  nel 1989 ad oggi (30 anni fa). Nutraceutica, una parola che sarà sempre più sulla bocca di tutti.    Una crescente evidenza dimostra che altri componenti degli alimenti possono svolgere un ruolo fondamentale nel legame tra cibo e salute. I nutraceutici sono oggi una realtà medico-scientifica in costante espansione, sia per quanto riguarda il numero e l’accuratezza degli studi scientifici che per la diffusione di prodotti specifici (negli USA fatturano oltre 250 miliardi di dollari).  Sempre nuove tecnologie (brevettate) stimolano e influenzano il mercato.

SOP

In attesa di conferme dal Consiglio di Stato oggi è totalmente dispensato su consiglio del farmacista.
 Il farmaco SOP mette il farmacista italiano su un piano superiore rispetto ai colleghi di tutto il mondo, in quanto negli altri Paesi non esiste questa classe di medicinali, ma solo farmaci su prescrizione o OTC.
Consente al farmacista italiano di svolgere l'importante ruolo sanitario di "farmacista prescrittore" nelle piccole patologie, coadiuvando e affiancando il medico di famiglia. 
Il fatturato sell out dei farmaci SOP è di circa 650 milioni di euro (74,8 milioni di pezzi ), pari a c.a. il 26,0 % del mercato totale dei farmaci senza ricetta.

OTC

Sono disponibili per l'automedicazione parecchi farmaci rispondenti a criteri di efficacia e razionalità. Nel loro insieme, i farmaci da banco consentono oggi di affrontare numerose piccole patologie senza ricorrere al medico, naturalmente nel rispetto delle dosi e dei tempi di trattamento consigliati. In Italia OTC rappresentano circa il 10 % della spesa totale dei farmaci contro il 54% Stati Uniti, 22,7% della Gran Bretagna e il 17,2% della Germania con un fatturato sell in pari a circa 750 milioni di Euro.

INK PHARMA SERVIZI

BIOTECH

Le biotecnologie, ampiamente utilizzate nello sviluppo di nuove terapie mediche o di innovativi strumenti diagnostici; con le oltre 570  imprese biotech attive solo in Italia è un comparto fortemente innovativo, molto focalizzato sulla ricerca e in fase di consolidamento è potenzialmente pronto ad accogliere le sfide e le opportunità che il settore offre a livello internazionale
Il comparto della salute genera quasi tre quarti del fatturato biotech totale, che supera gli 11,5 miliardi di euro con un incremento del 12% tra il 2014 e il 2016.

INK PHARMA SERVIZI

OMEOPATIA

Similia similibus curantur” – I simili si curino coi simili – Hahnemann Samuel
La storia dell’omeopatia ha ormai 200 anni. Oltre l’80% degli italiani conosce la medicina omeopatica e a farne uso è il 17% della popolazione. Significa che quasi 9 milioni di italiani utilizza farmaci omeopatici e lo fa almeno una volta all'anno. Le basi scientifiche dell'omeopatia in questi ultimi tempi vanno rafforzandosi sempre di più, in quanto sta emergendo un nuovo paradigma all'interno del quale l'omeopatia trova la sua ragione di essere. Le basi scientifiche dell'omeopatia vanno ricercate nell'acqua. Tutti sappiamo che l'uomo è formato per il 75-80% di acqua e mentre la medicina tradizionale si occupa del restante 20%, lo studio dell’acqua, coerente all'elettrodinamica quantistica dimostra che l'acqua è in grado di codificare informazioni, in quanto essa può strutturarsi secondo domini di coerenza all'interno di un campo magnetico. La fisica quantistica ci ha aperto una porta importante: come diceva Hahnemann: «io ho dato uno spunto e ho aperto una porta, voi continuate»…..